La società guidata da Maurizio Pannella Fa il suo debutto ufficiale nel mercato italiano con i primi prodotti a marchio Magnadyne

Tutto procede secondo i piani. Dalla data ufficiale di presentazione del giugno scorso, infatti, Twenty sta iniziando a compiere i primi piccoli, ma importanti, passi nel mercato italiano mettendo a punto, prodotto dopo prodotto, la sua offerta che – come preannunciato – coinvolgerà, almeno all’inizio, i settori Tv, bricolage e piccolo elettrodomestico. “Twenty è un grande contenitore dove converge la nostra offerta prodotti declinata nei tre marchi Magnadyne, Saba e Nor-dmende”, spiega Enrico Ligabue, Direttore Commerciale della società guidata da Maurizio Pannella. “Fin dalla sua nascita Twenty ha avuto l’obiettivo di lavorare con marchi in esclusiva: per ora utilizziamo Saba e Nor-dmende e Magnadyne, che è di nostra proprietà. In futuro vi è però l’intenzione di ampliare il numero di marchi, soprattutto nel settore del bianco, senza ovviamente andare a fare concorrenza ai grandi brand, ma cercando di ritagliarci una nostra fetta di mercato e una nostra precisa clientela”. Un settore di cui l’azienda non ha mai nascosto il suo interesse è quello dei grandi elettrodomestici, dove prossimamente cercherà il presidio con nuove gamme e nuovi prodotti a catalogo.
Come sottolinea lo stesso Ligabue, inoltre, la strategia dell’azienda è ben chiara: “utilizzare Saba e Nordmende come sorta di ‘testa di ponte’, per far crescere invece Magnadyne che rimarrà comunque un marchio riservato esclusivamente ai retailer specializzati”.
Gli obiettivi aziendali da raggiungere rimangono invece quelli annunciati lo scorso giugno, e cioè il raggiungimento di un fatturato di 25 milioni di euro per il primo anno di attività, e di 40 milioni di euro per i primi tre anni.
Nei progetti, inoltre, c’è anche l’intenzione di espandersi all’estero e, proprio in quest’ottica, sono già stati presi i primi contatti con alcuni rivenditori in Svizzera, Francia e Portogallo, soprattutto per quanto riguarda il marchio Magnadyne.

UNA MACCHINA IN CORSA
Ormai la ‘macchina’ di Twenty si è messa in moto e, chilometro dopo chilometro, sta iniziando a percorrere la strada prefissata. Come conferma lo stesso Ligabue, lo staff dell’azienda sta difatti lavorando su più fronti, dal completamento della rete vendita, che dovrebbe arrivare a pieno regime a circa una decina di agenti su tutto il territorio nazionale suddivisi per i due settori GDO e GDS, fino ai contatti con i primi retailer, tra cui spiccano – almeno per il momento – le insegne Expert, Trony, Conad, e MD e LD Market. Un’apposita agenzia specializzata si occupa invece degli acquisti in Cina, della relativa normativa, nonché – sotto diretta supervisione dello staff italiano -del packaging dei prodotti.
Un lavoro intenso che ha portato alla realizzazione – sempre in fase di ampliamento – di un primo catalogo prodotti a marchio Magnadyne, che si compone di piccoli elettrodomestici, come ad esempio forni a microonde, ferri da stiro, aspirapolvere, bilance pesapersone, spremiagrumi, frullatori e tritatutto, nonché di prodotti vari per il fai da te.
“Si tratta solo di un primissimo assortimento”, tiene a precisare Ligabue. “Un’offerta iniziale che ci serve anche per cercare di capire dove si concentrerà l’attenzione dei rivenditori, in modo tale da poter ampliare la nostra offerta in base alle esigenze e preferenze del mercato”. A questi prodotti, difatti, si aggiungeranno a breve anche i primi Tv, con una gamma che andrà dai 24 ai 46 pollici, alcuni dei quali anche basati su tecnologia Full HD.
Il modello di business è invece quello annunciato fin dall’inizio, ossia mediante una filiera “molto corta” senza alcun intermediario, ma con vendita diretta, al fine di preservare al massimo i margini. Notevole lavoro e ingenti investimenti sono stati poi fatti soprattutto sotto il profilo della comunicazione di marca, con la sponsorizzazione dell’Udinese calcio e della Spal, neo promossa in serie B: secondo i contratti di sponsorizzazione, il marchio Magnadyne campeg-gerà sul retro della maglia della squadra friulana per due stagioni consecutive, mentre per il team ferrarese fungerà da secondo sponsor per la stagione in corso. “Uno dei nostri impegni principali di questa prima fase è sicuramente la credibilità dell’azienda e la notorietà della marca”, continua Ugabue. “Ai grandi investimenti in comunicazione già effettuati ne aggiungeremo sicuramente altri: per l’anno nuovo stiamo ad esempio pensando a un evento di lancio del marchio Magnadyne legato alla sua storicità, mettendo anche in mostra dei vecchi prodotti che hanno fatto la storia del brand aH’inizio del secolo scorso. Per quanto riguarda la credibilità dell’azien-
da, invece, stiamo ad esempio provvedendo a numerose iniziative anche sul fronte economico e finanziario, come ad esempio
la certificazione del bilancio da parte di un’importante società di analisi internazionale come Ernst & Young”.